Brand to Demand? No problem: è pronta la guida per pianificare al meglio i tuoi obiettivi a lungo termine

Massimizzare gli obiettivi di branding a lungo termine è forse una delle cose più difficili da pianificare e gestire. Sempre più aziende si trovano in difficoltà sotto questo aspetto, perché molto spesso ne ignorano addirittura l’esistenza. A fornire un piccolo e prezioso assist per capire come affrontare la questione ci ha pensato LinkedIn, con una guida di tredici pagine su come muoversi a proprio agio all’interno del Brand to Demand.

La guida si propone di essere un aiuto professionale che si adatta agli obiettivi di vendita a breve termine, al fine di migliorare le tue prestazioni di marketing nel loro complesso, mentre ti prepari alla loro fase successiva. Questo sforzo, da parte di LinkedIn, è compiuto perché è perfettamente consapevole di come la pandemia abbia fortemente impattato sul Brand to Demand, cambiando le prospettive a lungo termine dei brand, che si sono affrettati e recuperare il profitto nel breve termine. Come spiegato da LinkedIn:

Nello scenario attuale, è improbabile che le strategie di vendita a breve termine possano diventare uno strumento di successo, motivo per cui per il tuo marchio è più importante che mai costruire un messaggio più ampio, che funziona a livello emotivo e per far ciò la crescita da predisporre è solo a lungo termine. Ed è esattamente ciò che il content marketing può aiutarti a raggiungere. Altrettanto importante, quelle emozioni sono assolutamente cruciali per realizzare il tipo di fama che ti mette in prima linea nella mente del tuo pubblico.

brand to demand limelightmedia.it

Con questo focus in mente, LinkedIn ha quindi stilato una guida che punta soprattutto a sottolineare, nel Brand to Demand, l’importanza della costruzione di una comunicazione a lungo termine, ponendo l’accento sui casi dei marketer che cambiano di continuo le carte in tavola, andando a creare dinamiche inconsapevolmente autolesioniste.

La guida fornisce informazioni dirette su come procedere per costruire una strategia di branding efficace e a lungo termine, delineando passaggi e fasi specifiche all’interno del processo, mantenendo il focus sul marketing B2B – sebbene molte delle annotazioni che contiene la guida siano rivolte a una pluralità di settori, con un’attenzione rivolta al digitale.

Molti di questi passaggi potranno anche sembrare ovvi, ma scomponendoli e focalizzandosi sugli scopi che ogni step vuole perseguire, ti può aiutare a fornire un quadro più chiaro di come questi elementi si applicano in maniera specifica al tuo approccio di marketing e di come puoi integrarli in una visione a lungo termine. Alcune delle annotazioni, inoltre, sono davvero interessanti e ti aiutano a pensare alle strategie della tua piattaforma e a considerare la tua attuale pianificazione attorno a questi elementi.

Per avere sempre il meglio delle News, dei Focus e di altra roba forte, UNISCITI ALLA BRAVE NEWSLETTER.

LEGGI ANCHE: Lo Skills Path di LinkedIn ci valuterà finalmente per le competenze e non più solo per i titoli

Author avatar
Francesco Lepore
Persevering researcher of beauty. CEO & Founder di Limelight Media.